Newsletter

+39 3314349062

My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image
  • My Image

I “Racconti Crestati” di Boccardi, microstorie dal taglio deciso

Toscana Libri
Riccardo Bruni
13/11/2017

Cinquecento parole. Bastano queste a raccontare una storia, secondo Riccardo Maria Boccardi, di Montalcino, che con i suoi racconti bonsai, i “Racconti Crestati”, ha collezionato una lunga lista di letture illustri, grazie agli scrittori che hanno accettato di registrarsi leggendoli. Così l’autore ha messo online la sua raccolta di voci, con i maggiori autori di noir (e non solo) italiani, che hanno prestato la propria a queste microstorie, andando a comporre una audioteca davvero incredibile.

Ed è incredibile prima di tutto perché la cosa è nata per gioco, scrivendo queste narrazioni minime per una pagina Facebook, e si è poi allargata, portando i mini racconti persino nel tempio della letteratura: al Salone del libro di Torino. Sandrone Dazieri, Valerio Varesi, Romano De Marco, Giovanni Ricciardi, Alesandro Piperno, tanto per dirne qualcuno. Poi, visto che la cosa funzionava, sono arrivati attori, doppiatori e persino fumettisti, che hanno accettato la sfida di tradurre non in parole ma in una illustrazione il racconto proposto loro da Boccardi. Ed ecco così le tavole di Pozza, Bernardi, Bianchi, Mattioli, Alvarez. Disegnatori anche al di fuori dei confini italiani, fumettisti che lavorano per grandi editori, come Bonelli, che danno il volto agli eroi di carta del nostro immaginario.

Una quantità di materiale impressionante, tavole davvero bellissime, ispirate ai mini racconti di Boccardi, che con il suo stile ironico e il gusto dell’irrinunciabile colpo di scena ha saputo costruire un mondo narrativo capace di fare il giro del web. «Sono racconti minimi – ci dice – piccole nane bianche nel cosmo letterario. Non è un esercizio di stile ma il modo in cui approccio la narrazione. Breve, tagliente, autoconclusiva. Il titolo della raccolta deriva dalla battagliera immagine dell’acconciatura moicana dove, tolto il superfluo, della capigliatura rimane essenza e carattere». Così i “Racconti Crestati” sono la pura sostanza delle vicende esposte. Non a caso lo slogan delle minuscole cronache è “Storie dal taglio deciso”. Amministrativo, grafico editoriale, microscrittore, Boccardi ha conquistato prima Facebook, superando i duemila like a tempo record, e poi, quando il materiale iniziava a farsi davvero tanto, ha strutturato un sito web (www.racconticrestati.com) nel quale ha raccolto tutto. L’obiettivo è ambizioso: sfornare un racconto al giorno. «Non è cosa semplice – dice – perché le poche centinaia di parole devono narrare una storia che abbia senso e nasconda colpi di scena, comicità o dolcezza a seconda dei casi. Possono partire da singole parole, dal loro suono, dal vissuto portato agli eccessi, oppure per riflessione su abitudini e situazioni sociali».


Racconti Crestati di Riccardo Boccardi | Libri in Rete

Ladra di Libri
Mariana Marenghi
08/09/2017

Le storie (e i libri) non esistono solo sulla carta stampata. Vivono una vita speciale anche in rete, come i Racconti Crestati di Riccardo Boccardi.

I Libri in rete vivono alla grande e se la passano anche molto bene. Così, oggi vogliamo parlarvi di quello che a noi è sembrato un progetto editoriale davvero interessante. Si chiama Racconti Crestati. Storie dal taglio deciso e il suo ideatore è Riccardo Boccardi. Forse qualcuno di voi li ha già incontrati in rete, tra Instagram, Facebook e Youtube, sta di fatto che il buon Riccardo ci regala una storia in 500 caratteri e sono tutte storie “lillipuziane”, taglienti e graffianti. Ecco perché, oggi, per la rubrica Libri in Rete, abbiamo intervistato proprio il suo ideatore che ci spiega il perché di un progetto così ardito e interessante, non prima però di regalarvi la lettura di questo speciale Crestato che Riccardo ha dedicato alla Ladra!

La ladra

L’immagine dell’enorme antifonario tappezzava la città. Al museo l’indomani s’inaugurava la mostra di preziosi codici medievali. Ondulate pergamene, prodigiose miniature, possenti borchie cesellate. Da giorni non pensava ad altro, doveva possedere il colossale testo liturgico. Il suo amore per i libri era viscerale, fisico. La notte salì sul tetto dell’edificio e dall’abbaino si calò sopra il grandioso manoscritto aperto nel leggio. In piedi sulle pagine afferrò il lato opposto per richiudere l’opera pesantissima. Vi riuscì usando forza ma non destrezza. La trovarono schiacciata tra i fogli dell’inno di supplica dei ladroni. Sul volto l’espressione estatica di una martire beata.

Da qualche tempo la redazione della Ladra si è appassionata ad un interessante progetto editoriale che prende la voce sul web e sui social network, tra Facebook, Instagram e YouTube. Si chiamano Racconti Crestati e, come li definisci tu stesso sulla pagina Facebook, sono «Storie lillipuziane da gustare in pochi respiri». Ci racconti meglio di cosa si tratta e il perché di questo nome?

Le striminzite storie col ciuffo sono racconti minimi ipercompressi, piccole nane bianche nel cosmo letterario. Nascono per aggregazione, partendo spesso da una sola parola che ne costituisce il nucleo. Raggiungono quindi una massa critica sempre inferiore ai 600 caratteri per evitare il collasso. Non è un esercizio di stile ma il modo in cui approccio la narrazione. Breve, tagliente, autoconclusiva. Il titolo della raccolta deriva dalla battagliera immagine dell’acconciatura moicana dove tolto il superfluo della capigliatura rimane essenza e carattere. Così i Racconti Crestati sono la pura sostanza delle vicende esposte. Non a caso lo slogan delle minuscole cronache è «Storie dal taglio deciso».

I tuoi micro-romanzi hanno il limite dei 500 caratteri. Ma cosa significa, per uno scrittore, avere un limite così stringente e dove condensare tutto in uno spazio così limitato?

In realtà non è una barriera estremamente costrittiva, talora fatico persino a raggiungerla. Una volta superata però si rivela piuttosto ardua da valicare nuovamente così inizia la battaglia all’ultimo carattere. Sostituzioni, tagli, elisioni, cambi di forma, contrazioni, uno scontro dove lettere e punteggiatura arrembano e sussultano. Infine si raggiunge il perfetto equilibrio dopo lungo labor limae e finalmente la creatura può essere mostrata con tanto di cuffia e babbucce al popolo internauta. I ristretti crestati nascono infatti per essere fruiti su Facebook, pastiglie da sgranocchiare più che gustare. I gusti cambiano ogni giorno ma il formato è sempre il medesimo. Confetti da assumere rigorosamente dopo i pasti.

In redazione abbiamo avuto il piacere, in questi giorni, di apprezzare i tuo stile e l’inventiva che, in ogni racconto, sai sfoderare. Ma dove raccogli l’ispirazione per pubblicare, praticamente ogni giorno, un racconto diverso?

Sfornare un crestato al dì non è cosa semplice. Le poche centinaia di parole devono narrare una storia che abbia senso e nasconda colpi di scena, comicità o dolcezza a seconda dei casi. Non si tratta d’inesauribile fantasia, anzi sono necessarie costruzione, indagine, rielaborazione mnemonica. Per fortuna alcuni balzano alla mente famelici e bramosi di libertà mentre altri sonnecchiano placidi in cerca di uno sviluppo. Possono partire da singole parole, dal loro suono, dal vissuto portato agli eccessi oppure per riflessione su abitudini e situazioni sociali. Altri sono contro-omaggi agli artisti più prolifici che illustrano i microromanzi dove i personaggi grotteschi e surreali sono sempre nominati con il cognome spezzato del disegnatore.

Ed infine, una domanda personale. Riccardo i tuoi racconti, giorno dopo giorno, stanno raccogliendo sempre più consensi e i numeri sulla tua pagina Facebook lo dicono senza farne mistero. Adesso, quali sono i tuoi progetti futuri?

Non ho ancora chiaro in cosa possa trasformarsi il progetto ma sono enormemente felice che sia in fase di crescita. Non solo nel numero di follower ma soprattutto in quello delle collaborazioni. Invito i lettori a visitare il sito www.racconticrestati.com dove avranno modo di scovare materiale incredibile. Decine d’incantevoli illustrazioni e strepitose letture ad opera di scrittori italiani, attori e doppiatori. Non è semplice gestire i vari canali di pubblicazione e i numerosi contatti ma si è ripagati dall’apprezzamento e dalle preziose cooperazioni. In futuro sarebbe entusiasmante trovare un editore disponibile a diffondere la buona novella crestata. Purtroppo i racconti in Italia non hanno mai attecchito, figuriamoci quelli micro.


I Racconti Crestati Di Riccardo Boccardi

Il Sestante News
Luca Pozza
18/08/2017

Non ho dubbi in proposito: in futuro sentirete molto parlare di Riccardo Boccardi, autore di micro racconti in 500 caratteri raccolti sotto il nome di “Racconti Crestati”. Non so di preciso che cosa faccia nella vita ma so che Riccardo è laureato in Scienze Naturali, così non mi stupisco quando leggo la sua autobiografia decisamente “organic”:

“Essendo questa una sincera autobiografia posso affermare con genuina naturalezza di essere nato sotto un cavolo cappuccio non geneticamente modificato. Curato e vezzeggiato sin dal germe della vita e cresciuto nel pieno rispetto dei cicli naturali. La brassica intendo. Quanto a me, il suo frutto, ho radici sincere. Buone. Negli anni non ho temuto le tempeste del vivere né la malastagione. Mi sono sempre difeso quasi sviluppando spine per poi sbocciare al meglio durante la mia primavera. Come tutti, prima di trovare la vera amicizia, sono stato infastidito da numerosi parassiti, ma si sa, capita durante la crescita. La chimica si è fatta sentire nell’adolescenza, non posso negarlo, ma gli ambienti insalubri non mi hanno appestato, né sono stato inquinato da processi innaturali. Di carattere agreste ho coltivato interessi pratici, sodi come della buona terra odorosa. Infine, secondo la breve filiera del viaggio, è arrivato l’amore, il nocciolo puro della mia essenza. Al momento inizio ad appassire, è risaputo che noi animi veraci tendiamo a rovinarci con palese velocità. Prima di ammuffire comunque c’è ancora mercato. Questo è il succo. Ah, dimenticavo il mio colore preferito è il verde”.

I “Racconti Crestati”, dicevo… per capire che cosa sono attingo ancora a piene mani dal suo sito internet: “Storie lillipuziane da gustare in pochi respiri. Racconti minimi dal grottesco al noir. Narrativa in pillole per lettori voraci costretti a regime librodietetico. Questo sono i Racconti Crestati, microromanzi in poco più di 500 caratteri. Tutti nascono dalla voglia di comprimere storie e personaggi per poi lasciar deflagrare una narrazione bizzarra o paradossale. Surreale, tragicomico, assurdo sono spesso la base di bislacchi casi d’uccisioni, omicidi, incidenti dove la morte è sempre esorcizzata fino a strappare un sorriso. Così anche il meraviglioso o la dimensione onirica sono egualmente argomento delle nanovicende, per indagare l’amore e la passione. Nel gioco della sintesi e dell’ellissi il tempo narrativo si contrae, lasciando poco più dell’essenza della fabula. Nati per una veloce e quotidiana comunicazione sui social, trovano qui un luogo più calmo, dove i protagonisti delle vicende possono appagare la loro sete d’esistenza”.

La domanda è inevitabile: cosa fai nella vita per guadagnarti il fatidico tozzo di pane?

“Avrei potuto ingannarti dicendo astronauta (#astroriccardo) ma odio volare, figuriamoci galleggiare in assenza di peso sulla ISS. In realtà sono un amministrativo per buona parte del tempo e un grafico editoriale nel restante. Un microscrittore da qualche mese”.

Come e quando ti è venuta l’idea di scrivere dei micro racconti?

“Adoro la sintesi estrema dei piccoli haiku giapponesi. Hanno tutto il trasposto d’intere esistenze. I Racconti Crestati sono prolissi e pomposi componimenti occidentali adatti alla lettura dei social. Ecco, dopo queste falsità dico francamente che non riesco a scrivere più di cinquecento caratteri prima di annoiarmi”.

Domanda banale: dove trovi l’ispirazione e come nasce tecnicamente un Racconto Crestato?

“Dipende. Può partire tutto da una parola, un personaggio o l’esasperazione di una situazione vissuta. Spesso sono i suoni delle parole, il loro potere evocativo a strutturare la storia. Altre volte sono piccoli omaggi che faccio agli amici illustratori. Solitamente la nanostoria evolve dal finale poiché in così poco spazio narrativo la chiusa deve essere spiazzante o quantomeno incisiva”.

L’elemento surreale è molto presente nei tuoi racconti e i tuoi personaggi vivono spesso (e altrettanto spesso ne sono vittime) realtà ingannevoli. Gigi Marzullo ti chiederebbe: la vita è surreale o l’irrazionale aiuta a vivere meglio?

“Quando Gigi mi pose una domanda molto simile risposi sorridendo e non dissi altro. Ero ipnotizzato dalla sua zazzera e dagli occhiali oltremisura. Qui mi permetto di argomentare: Il surreale è per molti il quotidiano per altri l’auspicabile. Io trovo il magico e l’irrazionale ad una sola piega di distanza dalla nostra dimensione. Ecco così avrei dovuto replicare a Marzullo, confondendolo”.

Quali sono i tuoi progetti futuri e le tue aspettative legate ai Crestati?

“Si tratta di un progetto in divenire, nato da poche centinaia di parole. Adesso si sono aggiunte le letture di famosi scrittori italiani, attori e doppiatori oltre ad un’innumerevole quantità d’illustrazioni. Invito i lettori a visitare il sito www.racconticrestati.com per poter fruire di tutto questo materiale affascinante e di altro livello artistico. Magari a breve qualche editore vorrà aiutare uno scrittore bisognoso… vedremo”.

Stai coinvolgendo un gran numero di illustratori… di cosa si tratta?

“Il piacere più grande che traggo dai tantissimi omaggi è vedere come occhi, mani e cuori diversi dal mio interpretano e rendono visibile secondo il proprio stile e vissuto quello che io appena accenno nei racconti. Spesso ne scaturisce altro, visioni distanti dalla mia, immagini vibranti d’altrove di cui sono stato la scintilla. Bellissimo. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato al progetto o vorranno avvicinarvisi”.

Non solo disegni; nella sezione LETTURE del tuo sito si possono ascoltare anche dei file audio in cui doppiatori di fama recitano i tuoi Crestati…

“Certo, faccio le cose per bene, io! scherzi a parte questa iniziativa è quella di cui vado più fiero. Direi che ne sono addirittura orgoglioso!”

Per chiudere ho lanciato a Riccardo una piccola sfida, quella cioè di realizzare un Crestato su misura per il Sestante per il quale io realizzerò una illustrazione e questo è il risultato:

La rotta

Era un vecchio marinaio indomabile, di quelli coi tatuaggi bluastri ormai sbiaditi sugli avambracci abbronzati. Sdraiato da mesi in cuccetta teneva lo sguardo fisso all’orizzonte, come se governasse ancora un vascello da sottocoperta. Pur non ricordando il cibo dell’ultimo pasto, si nutriva dei vividi ricordi di gioventù, saziato da volti, incontri e amori smarriti. Ogni notte estraeva da una custodia di cuoio un sestante d’ottone e traguardava con precisione le luci lontane che scorgeva oltre i vetri, fin quando la debolezza lo sovrastava. I medici lasciavano correre, riponendo lo strumento sotto il letto d’ospedale. Sapevano che l’anziano navigante preparava la sua ultima traversata.

Nel mondo crestato

Di seguito sono raccolti tutti i microromanzi pubblicati quotidianamente su Facebook. Sarà possibile incontrare una miriade di personaggi singolari immersi nelle loro astruse odissee. Una congerie di tipi e situazioni al limite dell’umano che richiamano le grandi tematiche universali. Per comodità le numerose storie sono indicizzate per argomento. La libera ricerca all’interno dei testi rimane comunque fattibile tramite l’apposita barra.

Recensioni Facebook

«Intelligente e divertente. Che non è semplice né comune. Parole scorrevoli e di valore. Stima!»
- Mara

My Image

Degenerazione

Un bicchiere in frantumi, banale incidente domestico. La spossatezza delle giornate in ufficio. Il formicolio della mano e la smarrita sensibilità. Diagnosi e condanna. Ogni parola diviene goffa, rauchi suoni imbarazzanti. I pensieri saettano aguzzi quasi volessero trapassare l’epidermide per fuggire la prigionia. I mesi frenano il corpo e lo calcificano. Una pillola nascosta nel fondo del cassetto come unica idea felice. Quando sentì che anche il cuore sembrava indurirsi ingoiò la capsula vermiglia e deglutì con fatica. Prima di spirare corse ancora giorni d’estate trascinando un giallo aquilone. Il vento soffiava leggero portando spruzzi di mare e salsedine. Bianca pace.

Leggi ancora...
My Image

Il paguro

I bimbi non capivano perché quell’uomo frusto e barbuto dovesse vivere dentro una botte. Affascinati lo studiavano spostarsi traballante sotto il peso del barile alla luce di una lanterna dalla fiamma perenne. Il vecchio segaligno osservava il mondo con occhi cinici e naso rubizzo, meditando sonnacchioso. Gli adulti sorridevano al suo passaggio conoscendone il pensiero. Si era abbeverato alla fonte della filosofia, sorso dopo sorso, abbracciando lo spirito oltranzista dell’epicureismo. Dopo le pubbliche filippiche contro ogni forma d’acqua minerale sia liscia che gasata proseguiva la sfibrante ricerca. Quella di una nuova bigoncia da poter svuotare con edonistico e molle distacco.

Leggi ancora...
My Image

La dimenticanza

Nel cassetto di uno scrittoio recuperato dal bric-à-brac trovai un mazzo di chiavi rugginose. Trascritto sull’etichetta svolazzava un indirizzo sbiadito. Attratto raggiunsi l’abitazione indicata, sembrava sfitta da decenni. Fui nauseato dal lezzo mucido che galleggiava nell’aria. Una spessa coltre di polvere ammantava tutto. Camminando nella soffice cipria che sommergeva i pavimenti lasciavo pesanti impronte. Al centro di una stanza vuota sedeva un uomo, ricoperto dal medesimo denso pulviscolo. Mi avvicinai. Il vecchio alzò lo sguardo e stupito bisbigliò «figlio» poi svanì in una nube farinosa. Fuggii tossendo esterrefatto da quell’amore e tempo che non mi appartenevano.

Leggi ancora...
My Image

Il regalo

Enorme, aitante, erculeo balocco per i cinquant’anni della zia. Le amiche salaci avevano scelto per lo striptease casalingo Mister Cammarier, eccitate dal calembour giocato sul mestiere dell’ignaro di lei consorte. Adesso quell’apollineo titano si denudava pezzo dopo pezzo riempiendo il tappeto di minuscole paillette. Trascinata dalla musica ammirai anch’io il tripudio di muscoli dall’occhio bovino. L’entusiasmo raggiunse l’apice quando lo spogliarellista sfilò il minuto tanga coprendo le pudenda con le mani. Fu allora che le signore esaltate accalappiarono il bel manzo per farne un prelibato stufato. Seguì un vivace consulto sui tempi di cottura e l’aggiunta di spezie saporose.

Leggi ancora...
My Image

Il molare

Ber se ne stava di fronte allo specchio mentre un mastodontico ascesso gli deformava la guancia. Vinto dal dolore aveva accettato di sottoporsi alla strampalata terapia proposta da Zor. L’amico occhialuto affermava al telefono di poter estirpare a distanza il dente guasto tramite una tecnica appresa dallo zio illusionista. Un suo diretto attraverso la specchiera avrebbe valicato magicamente lo spazio svellendo la zanna marcia. Il pugno partì. Quando lo spilungone si risvegliò sulla poltrona del dentista sorrise della bizzarra allucinazione dovuta alla robusta anestesia. Davanti alle tante superfici riflettenti dell’ambulatorio mostrò comunque una sequela di sobbalzi e schivate.

Leggi ancora...
My Image

La parabola

Il borgo plaudiva al miracolo che si compiva sullo stagno al limite del bosco. Le genti accorrevano preda di un allucinato delirio religioso. Il ragionier Bernardi, rientrato da un devastante cammino di fede percorso a tappe forzate, galleggiava scalzo al centro del padule. Celate dai fitti canneti numerose beghine inneggiavano all’Altissimo mulinando rosari. Mi avvicinai inebetito. Il pellegrino tese una mano chiedendo aiuto per tornare a riva. Bisbigliò che non si trattava di un mistico prodigio, aveva solo cercato refrigerio nelle fresche acque per lenire il dolore ai piedi ulcerati. Il fenomeno era imputabile alle enormi vesciche che lo tenevano a galla come un canotto. (2,10-74)

Leggi ancora...
My Image

I mercanti

Odiavo il sistema binario dove eravamo stati dislocati. Al tramonto di un sole ne sorgeva sempre un secondo. La costante luce aranciata ci fiaccava durante la campagna per l’occupazione del satellite. I giacimenti minerari erano immensi. Nei mesi d’espugnazione non avevo mai assisto all’uccisione dei «pantàleon». Esseri simili a nudibranchi che il nemico cavalcava durante gli assalti sul suolo vetroso. Quando fui investito dall’assordante sibilo di morte delle creature ripercorsi l’intera esistenza della loro specie, viaggiando a ritroso nel tempo fino alla scintilla della vita. Organizzammo un traffico lucroso. Furono sterminati come droga esclusiva degli oligarchi centrali.

Leggi ancora...
My Image

Pasqua

Pregustavo il cioccolato ecuadoriano dell’uovo solidale acquistato con buoni propositi e golosa beatitudine. Fu quasi sacrilego rompere quella fondente, scura, farinosa delizia che aveva traversato un oceano per offrirmisi leccarda. Il secondo uovo cartilagineo che trovai all’interno fu la vera sorpresa. Distratto dal profumo del cacao poggiai quell’affare sulla credenza prima di addentare l’azteca bontà. Quando il lunedì dell’Angelo fuoriuscì dal guscio un minuto Boa constrictor maledissi il pasticcere sudamericano che aveva scelto un regalo tanto folkloristico. L’ofide crescendo tentò infatti più volte di strangolare il mio gracile levriero in abbracci fin troppo affettuosi.

Leggi ancora...
My Image

Attese

Negli anni ho imparato che ogni oggetto può dare la morte. Il parafango di un’auto ad esempio aveva strappato la vita di mia figlia. Sembrava adagiata sull’asfalto, composta, un delicato rivo di sangue ormai rappreso le sporcava l’orecchio. Lo sguardo vuoto, insensibile all’accecante luce del lampione che inondava il suo volto pallido. Si era spenta nel bianco ronzio di una periferia. Sola. Col tempo rintracciai il colpevole e scelsi lo strumento per pareggiare il conto. Uno spillo e la pazienza di Giobbe furono la pena per quel bastardo fuggiasco. Dopo il piacere dell’interminabile stillicidio purpureo trasportai il corpo esangue nel punto in cui lei era spirata. Un monito per altri codardi.

Leggi ancora...
My Image

L'approccio

Lo stavo osservando affranta mentre m’inondava di luoghi comuni e stereotipi sociali. Quei baffetti impomatati danzavano briosi sulle labbra in perenne movimento. Tentava d’affascinarmi con una parlantina da venditore esponendo ragionamenti scontanti quando sentii la prima zaffata. Un tanfo acre d’olio bruciato mi stordì provocandomi un conato. Lo assecondai seguendo la grassa mosca che roteava vicino al suo orecchio. Avrei voluto schiacciare l’insetto sulla tempia del ciarliero per interrompere il soliloquio. Le ovvietà divennero ridicole e la puzza insopportabile. Tutta quell’aria fritta era nauseante. Scappai spruzzandogli in bocca una floreale eau de parfum. Silenzio.

Leggi ancora...
<<  Pagina 5  >>
Facebook